Spello, dal consiglio disco verde al rendiconto di gestione 2019

L’atto è stato approvato con il voto favorevole della maggioranza e l’astensione di tre esponenti della minoranza. Sorci: "Abbiamo mantenuto gli impegni e ridotto l'indebitamento"

Il palazzo comunale di Spello

È stato approvato nella seduta del consiglio comunale di Spello del 25 giugno il rendiconto di gestione 2019. Con il voto favorevole di otto consiglieri di maggioranza e l’astensione di tre consiglieri di minoranza, si è dato il via libera al documento che racchiude attività, verifiche e metodi attraverso cui, anche alla luce delle nuove norme sulla “armonizzazione contabile”, si effettua una verifica consuntiva di quanto svolto nell’esercizio appena passato. 

“I risultati – ha commentato il vicesindaco ed assessore con delega al bilancio, Guglielmo Sorci - confermano la virtuosità dell’Ente che è riuscito a mantenere gli impegni assunti e a chiudere l’esercizio accantonando le significative somme dovute per legge nel fondo crediti per dubbia esigibilità e in altre voci vincolate, registrando una disponibilità di 133mila euro, somma che l’amministrazione destinerà con celerità agli investimenti”.  

Risultati positivi dunque che, come precisato da Sorci, riguardano anche la gestione economica che presenta un positivo di circa 320mila euro. “Il Comune – ha poi spiegato il vicesindaco - ha registrato in competenza circa 18 milioni di riscossioni e 17 di pagamenti che, unitamente ai movimenti sui residui, al fondo cassa e al fondo pluriennale vincolato, hanno consentito la realizzazione dell’importante risultato. L’indebitamento si è ridotto, - ha aggiunto - il costo del personale è pari al 31,9 per cento delle spese correnti e il patrimonio netto si attesta a 31 milioni circa”. 

È stato lo stesso Guglielmo Sorci, poi, a far presente che il Comune di Spello figura tra i cinquecento enti pubblici virtuosi che trasmettono i pagamenti di oltre il 75 per cento delle fatture a loro indirizzate e che ricevono almeno mille fatture per un importo complessivo superiore ad un milione di euro. I criteri utilizzati per selezionare tali enti, lo ricordiamo, sono il rapporto percentuale tra l’importo pagato e l’importo da pagare – con Spello che si staglia al 427esimo posto con il 99 per cento dei pagamenti su 1.166 fatture -, la media ponderata dei tempi di pagamento e la media ponderata di ritardi di pagamento. 

Tornando alla seduta del consiglio del 25 giugno, è stata anche approvata, con voto favorevole dei consiglieri di maggioranza “Insieme per Spello” e del gruppo consiliare “Cambiamo Spello”, un’importante variazione di bilancio resasi necessaria a causa dell’emergenza sanitaria, interessando la rinegoziazione di mutui, contributi specifici legati all’emergenza, ridotte entrate ed economie dell’Ente imposte dalla pandemia. 

Logo rgu.jpg

di Matteo Castellano

Aggiungi un commento