Provincia di Perugia, sfida Proietti-Zuccarini per la presidenza

Il 18 dicembre gli amministratori dei Comuni del perugino saranno chiamati a scegliere il successore di Bacchetta. Foligno ha già avuto Mismetti come presidente di piazza Italia

Stefania Proietti e Stefano Zuccarini

Stefano Zuccarini per il centrodestra e Stefania Proietti per il centrosinistra. Sono i sindaci rispettivamente di Foligno ed Assisi i due candidati alla presidenza della Provincia di Perugia. Le candidature, in vista delle elezioni in agenda il prossimo 18 dicembre, sono state presentate ieri, domenica 28 novembre. E con loro, le liste dei candidati al consiglio provinciale. Da una parte la squadra di Zuccarini (Provincia Libera), sostenuto da Lega Umbria, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Con il primo cittadino delle città della Quintana, Nicola Alemanno, Jacopo Barbarito, Catia Degli Esposti, Giovanni Dominici, Giada Gelosia, Chiara Generotti, Fabiana Grullini, Gino Puletti, Roberta Ricci, Francesco Rubeca, Filippo Schiattelli e Fausto Risini. Con il sindaco di Assisi (Provincia Unita), sostenuto invece da Pd, M5s, Civici, Assisi Domani e Azione, ci sono Cristian Betti, Erika Borghesi, Maria Pia Bruscolotti, Diego Catanossi, Scilla Cavanna, Gino Emili, David Fantauzzi, Giampiero Fugnanesi, Moreno Landrini, Letizia Michelini, Laura Servi e Francesco Zaccagni.

Sulla candidatura di Stefano Zuccarini, parlando di “centrodestra compatto”, è intervenuto via social l’attuale sindaco di Nocera Umbra e segretario regionale della Lega, Virginio Caparvi. “Si è dimostrato il condottiero che sapevamo gestendo con grandi risultati il ruolo di primo cittadino a Foligno, nonostante il momento storico molto complesso – ha scritto il leghista -. La sua determinazione è ciò che serve per cambiare un sistema arrugginito che va velocizzato, soprattutto alla luce delle ingenti risorse che le province si troveranno a gestire”. Restando a Foligno, c’è da sottolineare come non si tratti della prima volta che un sindaco si candidi alla presidenza della Provincia. No, perché, lo ricordiamo, dopo l’ultima riforma dell’ordinamento, il precedente numero uno di palazzo Orfini Podestà, Nando Mismetti, aveva ricoperto proprio il ruolo di presidente provinciale dal 2014 al 2018.

Per ciò che concerne, invece, Stefania Proietti, da evidenziare c’è il fatto che si tratta della prima volta che una donna è candidata alla presidenza della Provincia di Perugia. A ricordarlo è proprio la coalizione di centrosinistra, spiegando come un’altra novità sia che “attorno alla sua figura si ritrovano componenti di uno schieramento composito e ampio, premiato peraltro alle ultime elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre scorso”. “Tutte le forze civiche e partitiche di centrosinistra mi hanno chiesto, in quanto sindaco di Assisi, di mettermi a disposizione – ha detto Proietti – e per esclusivo spirito di servizio ho accettato per cercare di portare a livello provinciale il modello di buon governo di Assisi, di cui continuerò ad occuparmi senza sosta e in ogni caso, e dove la nostra coalizione è risultata vincente al primo turno alle scorse elezioni”.

I nomi, dunque, ci sono. Ora c’è soltanto da attende la tornata elettorale del 18 dicembre, quando, appunto, sarà eletto, tra Zuccarini e Proietti, il nuovo presidente. Eletto, lo ricordiamo, dai sindaci e dai consiglieri dei Comuni della stessa Provincia, che saranno chiamati a votare il successore di Luciano Bacchetta, ex sindaco di Città di Castello.

Logo rgu.jpg

di Matteo Castellano

Aggiungi un commento