Centrali Enel, a settembre un tavolo tecnico con le istituzioni locali

La decisione dopo la riunione che ha visto seduti al tavolo Regione Umbria e vertici Enel

Centrale Enel di Bastardo

Un piano che punta ad una razionalizzazione organizzativa funzionale ed all'ottimizzazione del servizio elettrico. È quello che – secondo quanto reso noto – l'Enel avrebbe presentato all'assessore regionale all'Ambiente, Silvano Rometti, in occasione dell'incontro voluto dalla Regione Umbria ed ospitato a palazzo Donini. Un progetto che, per come presentato, non avrebbe quindi ripercussioni su clientela e personale, confermando di fatto le attuali sedi umbre. Si tratta di rassicurazioni che potrebbero far ben sperare per il futuro dell'impianto di Bastardo e di quello di Pietrafitta. Se così sarà lo si capirà solo con il tempo, ma di certo l'obiettivo con cui l'assessore Rometti ha incontrato Giuseppe Meduri e Giancarlo Millucci - rispettivamente coordinatore affari istituzionali e relazioni esterne territoriali Enel Centro Italia e responsabile della centrale di Bastardo – è stato quello di affrontare con i vertici dell'azienda le tante tematiche aperte sul fronte sviluppo ed occupazione. Un incontro, successivo alle cronache delle passate settimane con cui si erano accesi i riflettori sulla possibile chiusura dei due impianti umbri e arrivato dopo aver ascoltato le istanze dei sindacati coinvolti nella vicenda. Rometti ha quindi ribadito “l'importanza che le centrali termoelettriche di Bastardo e Pietrafitta ancora possono avere nel sistema elettrico nazionale, così come evidenziato anche nel documento di programmazione della Strategia energetica ambientale regionale preadottato dalla giunta nei giorni scorsi. Inoltre – ha proseguito - in presenza di uno scenario profondamente mutato rispetto al passato la nuova direttiva comunitaria in materia di emissioni industriali ci pone di fronte alla responsabilita' di anticipare le scelte sul futuro adeguamento dell'impianto di Bastardo”. La riunione si sarebbe poi conclusa con l'impegno di convocare, entro il mese di settembre, un tavolo tecnico di lavoro alla presenza delle istituzioni locali. E sempre a settembre la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, incontrerà l'amministratore delegato di Enel, Francesco Starace.

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento