Umbria, i positivi tornano sotto quota 8mila. Settantanove i nuovi casi e 6 i decessi

Foligno e Città di Castello i comuni con il maggior numero di contagi. In crescita i ricoveri: se ne contano 11 in più e altre due persone in terapia intensiva

Una volontaria all'interno dell'ambulanza del 118 (foto Vissani)

Torna sotto quota 8mila il dato degli attualmente positivi in Umbria. Nello specifico se ne contano 7.998 contro gli 8.141 del giorno precedente, ossia 143 in meno. Di nuovi casi Covid tra domenica 28 febbraio e lunedì primo marzo ne sono stati registrati 79 su 864 tamponi molecolari processati (in tutto 695.170): il tasso di positività si attesta così al 9,14 per cento, in calo rispetto al 14,20 per cento dello scorso lunedì, quando a fronte 683 prelievi analizzati i contagi erano stati 97. Gli antigenici effettuati sono stati, invece, 433 (in totale 119.208).

Tornando ai nuovi positivi, i Comuni con il maggior numero di casi risultano, ancora una volta, Foligno e Città di Castello, rispettivamente con 21 e 12 casi Covid in più. Uno solo, invece, riscontrato a Perugia e nessuno a Terni. Negli altri comuni della Valle Umbra Sud, invece, individuati altri 9 contagi per Spello, 8 per Spoleto, 2 per Castel Ritaldi ed uno soltanto per Cannara, Giano dell’Umbria e Trevi. A Foligno, dunque, i cittadini positivi al virus sono attualmente 984, di cui 926 sottoposti ad isolamento e 58 ricoverati. Sedici quelli in terapia intensiva ed altrettanti i folignati guariti.

E sempre a proposito di guariti, in tutto il territorio regionale se ne contano 216 in più tra domenica e lunedì (in tutto 35.708). I casi registrati da inizio emergenza sono, invece, 44.762. Non si arresta la crescita dei decessi, altri 6 in 24 ore: due a Perugia ed uno ad Assisi, Città di Castello, San Venanzo ed Umbertide. Per il secondo giorno consecutivo, inoltre, aumentano i ricoveri. Undici in più per un totale di 524, di cui 136 all’ospedale di Perugia, 108 in quello di Terni, 65 a Spoleto, 59 a Città di Castello e Pantalla, 55 a Foligno, 21 a Branca, 15 all’ospedale da campo dell’Esercito di Perugia, 4 a Umbertide e 2 a Trevi. Altre due le persone in terapia intensiva, in tutto 79. Di queste, 27 a Perugia, 22 a Terni, 13 a Spoleto, 10 a Foligno e 7 a Città di Castello.

In isolamento 209 soggetti in meno in 24 ore per un totale di 10.514. Per quanto riguarda, infine, i vaccini, alle 15 di lunedì primo marzo a fronte di 82.735 dosi a disposizione, ne sono state somministrate 47.852, pari cioè al 57,8 per cento. Nel dettaglio, 29.915 dosi a operatori sanitari e sociosanitari, 8.607 a over 80, 5.834 ad ospiti di Rsa, 1.766 a personale non sanitario, 1.577 a personale scolastico e 153 alle forze armate.

Logo rgu.jpg

di Maria Tripepi

Aggiungi un commento