Pochi soldi in cassa ma l''Estate a Trevi' si farà

Ad annunciarlo il sindaco Bernardino Sperandio e l'assessore al Turismo Stefania Moccoli. In cartellone tanti concerti di musica classica

Estate a Trevi

La mancanza di risorse ed i tagli imposti dal Governo al Comune di Trevi non bloccano la volontà dell'amministrazione di regalare a cittadini e turisti un'estate di eventi. E così, grazie ad uno sforzo corale di tanti amici musicisti e di volontari, torna anche quest'anno il consueto appuntamento con “Estate a Trevi”. In calendario molti ed importanti concerti di musica classica. “La città di Trevi – commenta il sindaco Bernardino Sperandio -, con l'organo cinquecentesco della Chiesa di San Francesco e con un teatro di rara bellezza, è luogo d’elezione per la musica. Prova ne è la partecipazione a circuiti prestigiosi come la rassegna organistica “Luigi Antonini” nel programma del Festival dei Due Mondi, la rassegna dei concerti de “L’Orfeo” di Spoleto, la stagione concertistica degli Amici della Musica di Foligno e Segni Barocchi Foligno Festival”. Sulla stessa linea di pensiero anche l'assessore comunale al turismo, Stefania Moccoli. “'Estate a Trevi' è un'occasione per socializzare, vivere i luoghi bellissimi del centro storico all’aperto, e offrire a turisti e visitatori momenti culturali, musicali e di intrattenimento di grande qualità. Si consolida la collaborazione con la Pro Trevi e l’Ente Palio dei Terzieri, come pure quella con prestigiosi contenitori culturali umbri: l’associazione “L’Orfeo” di Spoleto, gli Amici della Musica di Foligno, i Cantori di Cannaiola, Coro polifonico Città di Trevi, le compagnie teatrali Arca, Dieccafò e Al Castello, l’Avis comunale Trevi, il Segni Barocchi Foligno Festival. Sinergia che rende possibile ascoltare buona musica, degustare carne chianina o vedere mostre e spettacoli nei contenitori culturali più preziosi della città, tra cui il teatro Clitunno, Piazza Mazzini, Palazzo Lucarini, il complesso museale di San Francesco, Viale Ciuffelli e l’oleoteca comunale. Ad attendere trevani e turisti – conclude la Moccoli – saranno momenti di sano riposo, stimoli creativi, occasioni per incontri e per brillanti conversazioni estive”.

Logo rgu.jpg

di Maria Tripepi

Aggiungi un commento