Omicidio Lucentini, entro giovedì la decisione sulla scarcerazione di Armeni

Quattro ore di udienza per ascoltare accusa e difesa, che hanno portato in aula ulteriori documentazioni per convincere i giudici

Emanuele Lucentini

Tutto rinviato a giovedì. Stiamo parlando della decisione sulla scarcerazione o meno di Emanuele Armeni, il carabiniere accusato di aver ucciso il suo collega Emanuele Lucentini. Il militare questa mattina si è presentato di fronte al tribunale del Riesame per convincere i giudici a scarcerarlo dopo più di due settimane di detenzione. Quattro ore di udienza, con i giudici che hanno ascoltato entrambe le parti. L'accusa, che reputa volontario il colpo partito dall'M12 e la difesa di Armeni, che invece punta ancora sull'accidentalità. Armeni è rimasto in silenzio di fronte ai giudici, mentre il suo legale Marco Zaccaria ha anche consegnato una nuova perizia balistica che giocherebbe in favore del suo assistito. Non per l'accusa, che per convincere il giudice ha proiettato anche un video per dimostrare quanto sia difficile premere casualmente il grilletto. Ora si attende il verdetto del tribunale del riesame, che arriverà entro giovedì 6 agosto.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento