Campello sul Clitunno dichiara guerra ai mozziconi di sigaretta

Il sindaco Maurizio Calisti ha firmato l'accordo per l'effettiva applicazione della normativa in materia. L'assessore Grullini: “Pronti con iniziative di contrasto al fenomeno”

Maurizio Calisti firma il documento di "Striscia la Notizia"

Campello sul Clitunno dichiara guerra ai mozziconi di sigaretta. Nella mattinata di lunedì il sindaco campellino, Maurizio Calisti, ha firmato l'accordo per la campagna “No mozziconi a terra” lanciata dal programma televisivo Striscia la Notizia, riguardante l'effettiva applicazione della normativa n. 221 - articolo 40 che vieta di gettare a terra, nelle acque, nelle caditoie e negli scarichi cicche di sigaretta, gomme da masticare, scontrini, fazzoletti di carta e piccoli rifiuti vari. Previste sanzioni fino a 300 euro. I filtri dei mozziconi di sigarette rappresentano un serio problema per l'ambiente. Ogni anno infatti, vengono gettati a terra circa 4,5 miliardi di mozziconi. I rifiuti più presenti sulle coste del mondo sono i mozziconi di sigarette. Sono facilmente ingeriti da pesci, uccelli e piccoli animali, e possono provocarne la morte per soffocamento. La combustione del tabacco produce circa 4mila sostanze chimiche, tra cui metalli pesanti, catrame, arsenico. Il filtro contiene plastiche dannose per l’ambiente. Il costituente principale dei filtri è l’acetato di cellulosa, un materiale plastico che per degradarsi ci mette decenni. Un filtro impiega da 5 a 12 anni perché si decomponga completamente. Riducono sensibilmente la capacità delle piante di riprodursi e crescere. È fondamentale smaltire i mozziconi in modo corretto. “La nostra amministrazione – spiega l'assessore di Campello, Fabiana Grullini - si impegna a predisporre tutte le misure necessarie per la lotta ai mozziconi e alla comunicazione delle iniziative di contrasto come installazione di posaceneri pubblici nelle zone maggiormente frequentate e distribuzione di ecoastucci per mozziconi. Tra 3 mesi – conclude l'assessore - rendiconteremo sugli esiti dell’iniziativa nel suo complesso e sui progressi registrati”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento